Riqualificare Valle Galleria, parla D’Angeli (5 Stelle): la cabina di regìa c’è, é la Consulta e va rilanciata

Due giorni di dibattito sulla piattaforma Microsoft Teams messa a disposizione dal Comune. In coda le indicazioni per collegarsi alla piattaforma

Valle Galeria argomento caldo anche in tempi di emergenza coronavirus. E’ andato avanti per due giorni il consiglio straordinario del municipio in conference call convocato per discutere le mozioni di 5 stelle e Gruppo misto sulla “Apertura cabina di regia post-gestione ex discarica di Malagrotta” . E almeno il primo giorno la discussione ha visto la partecipazione di diversi esponenti dei comitati, collegati alla piattaforma del Comune di Roma (in coda le indicazioni per accedere alla piattaforma e partecipare alle riunioni) . Conclusione la cabina di regìa esiste, si chiama Consulta o osservatorio ma bisogna assolutamente rilanciarla. Me lo dice, accalorandosi, Antonella D’Angeli, portavoce dei 5 stelle e presidente della commissione bilancio di via Fabiola, fiera del fatto che il nostro municipio sia stato il primo- grazie al presidente del consiglio municipale Di Camillo, a rendere fruibile ai cittadini la piattaforma.

Lei, che vive dalle parti di Pisana-Massimina ed è membro della commissione municipale Malagrotta, la questione la conosce bene. Lei stessa ha chiesto al segretariato comunale informazioni, formulando osservazioni in relazione alla delibera di giunta capitolina del 31 12 19 che ha disposto la localizzazione di un sito per lo smaltimento rifiuti sempre nel territorio della Valle Galeria. Ha chiesto anche notizie sulla ricerca di nuovi siti. Sta attendendo risposte, determinata ad insistere sulla necessità di rimettere in moto e dare nuovo impulso alla Consulta come strumento di partecipazione attiva dei cittadini. ( ne fanno parte i vari comitati oltre agli organi istituzionali preposti) .

L’obiettivo é quello di avere informazioni precise sui nuovi siti e rassicurazioni che al momento , travolti tutti come siamo dall’emergenza pandemìa, nessuno può fornire. Ora quasi tutto é fermo, la D’angeli lo sa ma vuole arrivare alla ripartenza di maggio-o quando sarà- avendo a disposizione tutte le informazioni che servono. Non per niente annuncia che esaurita questa esperienza consiliare non si ricandiderà e tornerà a fare l’attivista del Movimento . Quel Movimento che ha il pallino della trasparenza. E sulla riqualificazione della Valle Galeria la chiarezza servirebbe proprio.

Per utilizzare la piattaforma : scaricare Microsoft Teams, controllare l’odg del municipio con le convocazioni, inviare una mail al presidente del consiglio municipale De Camillo. Nel caso si voglia assistere ai lavori di una commissione la mail va inviata al presidente della commissione interessata. Gli utenti hanno la possibilità di intervenire seguendo le indicazioni che verranno date.

One thought on “Riqualificare Valle Galleria, parla D’Angeli (5 Stelle): la cabina di regìa c’è, é la Consulta e va rilanciata

  • 17 Aprile 2020 in 11:25
    Permalink

    La “cabina di regia ministeriale permanente” sulla post gestione di Malagrotta è un tema nato durante le audizioni delle varie commissioni e potrebbe essere uno strumento concreto per focalizzare gli obiettivi di risanamento delle aree della ex discarica. Uno dei problemi principali che viene fuori consultando i documenti emessi dai vari Enti e Istituzioni è che manca un dialogo e il coordinamento tra i vari livelli gestionali che per Malagrotta non investono solamente gli Enti locali e il Ministero dell’Ambiente ma anche Arpa, Ispra, Asl oltre a Struttura Commissariale e Procura senza dimenticare di veicolare i risultati raggiunti alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e alla Commissione Petizioni Ue per via della procedura di infrazione comunitaria in corso.
    La mozione intendeva sollecitare una accelerazione dei procedimenti suggerendo l’istituzione di una conferenza permanente di organi tecnici e amministrativi delle Istituzioni competenti (non di una regia politica che non aiuta), a livello ministeriale in quanto il Municipio non ha competenze ed è fornito già delle Commissioni Malagrotta e Ambiente oltre che dell’Osservatorio Partecipato della Valle Galeria che andrebbe rinnovato. Mi sembra che ci sia stata confusione di interpretazione tra i Consiglieri malgrado il tema sia stato affrontato in audizioni e ripetute sedute di commissione. Il Consiglio avrebbe potuto dare impulso alla Giunta municipale per sollecitare la Sindaca a stimolare il Ministro dell’Ambiente e tutti gli interlocutori cui competono per legge le azioni politiche. Spiace invece constatare che il tema del risanamento di Malagrotta sia sempre allontanato con timore e strumentalizzato.
    Malgrado l’esito in Consiglio, l’occasione è comunque utile per sollecitare l’urgenza del completamento delle attività propedeutiche alla post gestione della ex discarica di Malagrotta in quanto le operazioni di messa in sicurezza con barriera di pozzi (mise) per il contenimento degli inquinanti nel sedime della discarica, la caratterizzazione degli inquinati e degli areali di inquinamento e la realizzazione del capping per la sigillatura della superficie della discarica sono diventati improcrastinabili. Vanno inoltre individuate le modalità di esecuzione in danno con fondi da recuperare dal gestore e concordata con la Procura una modalità di intervento anche se è in atto un incidente probatorio perchè l’inquinamento non aspetta i tempi della giustizia e nuoce alla nostra salute.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.