In memoria

dal post di di Cristiana Ala su Monteverde Vera

https://www.facebook.com/groups/844305952415877/permalink/2119682648211528/

Adelina (Alma) SeJdini aveva denunciato il racket della prostituzione albanese e fatto arrestare 40 sfruttatori. Malata di cancro e invalida al 100 per cento, senza un lavoro (nonostante sul permesso di soggiorno figurasse avere una occupazione), Adelina chiedeva la cittadinanza italiana che l’avrebbe aiutata almeno ad ottenere una casa popolare. Nella prima domenica di novembre si è lanciata dal cavalcavia ferroviario di ponte Garibaldi a Roma, dove era arrivata per protestare contro la burocrazia che la strangolava e le impediva di ottenere la cittadinanza italiana.(Fonte: Roma Today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.