Addio a Rossana Rossanda

Foto dal sito ilmanifesto.it

E’ morta la notte scorsa a Roma all’età di 96 anni Rossana Rossanda. L’annuncio é sul sito de Il Manifesto, giornale di cui è stata fondatrice e che martedì la ricorderà con un’edizione speciale.

Rossanda , grande intellettuale del secolo appena passato, è stata una dirigente del Partito Comunista Italiano negli anni cinquanta e sessanta, nominata da Togliatti stesso responsabile della politica culturale del Pci, fino a quando il dissenso con le posizioni del partito ne provocò l’espulsione. Insieme a Luigi Pintor, Valentino Parlato, Lucio Magri e Luciana Castellina fondò Il Manifesto, prima rivista e poi quotidiano. Giornalista e scrittrice di intensa attività, ha pubblicato negli anni diversi libri, tra cui nel 1979, Le altre. Conversazioni sulle parole della politica (Feltrinelli); nel 1981 Un viaggio inutile (Einaudi); nel 1987 Anche per me. Donna, persona, memoria, dal 1973 al 1986 (Feltrinelli); nel 1996 La vita breve.
Morte, resurrezione, immortalita’. E’ del 2005 il suo ultimo libro, ‘La ragazza del secolo scorso, autobiografia tra storia e memoria’, pubblicato da Einaudi.

Per la direttrice di questo sito, Rossanda è stata una luce che ha illuminato la politica. Con le sue analisi, anche quando non concordavo, mi ha dato una chiave di lettura negli anni in cui valeva la pena di ‘leggere’ la politica. Mi mancherà.

One thought on “Addio a Rossana Rossanda

  • 20 Settembre 2020 in 21:57
    Permalink

    Ci mancherà Rossana ci mancherà una intellettuale attenta e profonda.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.