Proposta interessante

Il post di Beni comuni dodici

Beni Comuni Dodici

Post di Beni Comuni Dodici

Probabilmente non interesserà molte persone,perché in parte è stata una giornata per gli addetti ai lavori: ieri a Roma si è riunito il Direttivo Nazionale della SIS 118 , di cui mi onoro di far parte e di cui sono vicepresidente area centro Italia. Questa Società Scientifica la stiamo difendendo con le unghie e coi denti, perché è l’unica che si occupa di 118 ed è fatta da persone che stanno sul campo e non sulle poltrone!
Stiamo cercando di portare avanti una proposta di riforma del 118 che sia omogeneo in tutta Italia, che sia fatto da professionisti del settore, tutti dipendenti , tutti internalizzati, evitando la giungla che esiste al momento, dove ogni Regione si regola come vuole, utilizzando spessissimo personale precario, pseudovolontari, con tante croci private che sfruttano i lavoratori! La proposta di legge è stata incardinata al Senato, grazie alla senatrice Mariolina Castellone, (M5S ) ,presentata alla Camera da Stefano Fassina, ( Leu), sostenuta anche dall’onorevole Labriola ( FI). Dunque forze trasversali che apprezzano il lavoro del 118 e che hanno capito l’importanza del Sistema!
Noi non siamo la ruota di scorta di nessuno, né possiamo essere trattati come l’ancella del SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE, come coloro che vanno a fare servizi che altri non fanno, che si limitano a trasportare i pazienti in Ospedale. Siamo ben altro, siamo coloro che salvano vite nelle patologie tempo-dipendenti e che fanno la differenza nel ridurre le complicanze permanenti! Anche con l’emergenza Covid la nostra presenza è stata fondamentale, noi siamo andati là dove altri non andavano, nelle case delle persone infette, rischiando in prima persona e pur con i dovuti dispositivi di protezione ( DPI), se non hai le competenze , le conoscenze, il cosiddetto know how, il rischio di infettarsi è altissimo, entrando in case dove la carica virale è alta, dove il sistema di aerazione è scarso, e lavorando poi in uno spazio ristretto quale è quello dell’ambulanza, erogando ossigeno, con sviluppo di aerosol! Tanto che abbiamo registrato ammalati e morti anche fra le nostre fila, purtroppo. Però, però, però: ringraziamenti non ne abbiamo avuti dalle Autorità, ogni giorno sono stati ringraziati quelli della protezione civile, gli ospedali, le ASL, ma il 118 mai. Ah, sì, le singole Regioni, con accordi sindacali, hanno erogato un bonus a fine giugno, ovviamente tassato, e conseguentemente davvero irrisorio per gli operatori, dipendenti pubblici , mentre gli altri, privati convenzionati o pseudovolontari nemmeno quello! Ecco, tutte queste disparità noi non le vogliamo, vogliamo invece RISPETTO per la nostra professionalità , vogliamo anche essere auditi, consultati , nei luoghi decisionali, perché abbiamo molto da dire e non difendiamo un interesse personale, ma un interesse collettivo per migliorare il servizio in tutto il paese. Nell’Emergenza Covid, tra l’altro, hanno consultato tutti, tranne il 118, che tra la sua missione ha anche la gestione delle Maxiemergenze da rischio Biologico e questa è una maxiemergenza. da rischio Biologico!
Ebbene, tutte queste cose le abbiamo dette ieri nel Direttivo la mattina e ripetute nel pomeriggio di fronte ad una platea di giornalisti, che in questi mesi ci hanno dato credito e visibilità. Come Società Scientifica SIS 118, col nostro vulcanico presidente Mario Balzanelli, e con la vicepresidente Rosella Rossella Carucci, abbiamo deciso di istituire un premio, come forma di ringraziamento per i giornalisti che hanno riportato tutti i nostri sforzi, ne cito solo alcuni coi quali ho un personale contatto e tramite loro ringrazio tutti per l’attenzione che ci hanno dedicato : Cesare Burritto Fassari, di Quotidiano Sanità, Gerardo D’Amico di Tgnews24, Claudia Di Pasquale di Report.
Un pomeriggio rilassante, ma pieno di spunti, perché abbiamo presentato il Libro sulle Linee di Indirizzo del 118 per tutte le patologie tempo-dipendenti, e le Linee di indirizzo che possono aiutare nella ripresa delle attività scolastiche in epoca Covid!
Noi ci siamo sempre, perché la Salute è una priorità.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.