Piazza Scotti, i 5 stelle bocciano la mozione delle opposizioni e …se stessi

Il nostro municipio non invertirà la direzione di marcia- è proprio il caso si dirlo- sulla viabilità a piazza Scotti. Anzi, dalle tre ore di dibattito in streaming sulla piattaforma scelta dal Campidoglio – non proprio accessibilissima a tutti, ma tant’è- si esce con la convinzione- del resto ribadita più volte durante la diretta online- che lo stravolgimento in sperimentazione fino a fine agosto diventerà definitivo senza ulteriori passaggi. Per il bene comune”, secondo i 5 stelle.

Bocciata la mozione di Lega e Forza Italia che chiedeva il ripristino dei precedenti flussi circolatori sulla piazza. Il pd municipale- fin dall’inizio contrario alla sperimentazione nei mesi in cui le scuole sono chiuse e la città si svuota, ma consapevole dei rapporti di forza in municipio- chiedeva qualora non fosse possibile #revocare il progetto, il Prolungamento della sperimentazione almeno fino ad Ottobre, per avere dati #realistici sui flussi di traffico.

Il paradosso è che bocciando quest’ultima richiesta la maggioranza ha votato contro se stessa.

Qualche giorno fa Claudio Cardillo, presidente 5 stelle della commissione mobilità di via Fabiola, aveva scritto in un post: “Ecco la raccolta firme, ancora non ne capisco l’utilità, visto che andrebbe a #confermare cio che é gia stato programmato:

  • La sperimentazione dei flussi di traffico andrà avanti fino ad ottobre inoltrato per verificarne l’efficacia ed apportare, successivamente, eventuali modifiche migliorative.
    Ringrazio i Consiglieri che la stanno proponendo a conferma della bontà di quanto questa Amministrazione sta realizzando.
    Passerò anche io a firmarla….😉

E ancora “solo con l’apertura delle scuole avremo chiara la situazione e si potranno evidenziare eventuali punti critici”. In un post precedente riprodotto qui a lato lo stesso Cardillo scriveva: “Noto che “NEI FATTI” il documento non dice nulla di nuovo e conferma quanto programmato…abbiamo già detto che i flussi potranno essere modificati qualora presentassero delle criticità (vedi mio post del 13 Luglio 2020) https://www.facebook.com/1164151716970205/posts/3753066041412080/
Non ho parole………”

Non ha parole neanche chi intorno alla piazza vive e lavora. A loro, e sono tanti, non resta che aggrapparsi allo spiraglio lasciato aperto da Cardillo: i flussi potranno essere modificati se alla riapertura delle scuole si prenderà atto che questa nuova viabilità crea il caos nel traffico. Ma non è detto che ci sarà, questa presa d’atto. “In fondo la gente all’inizia protesta, poi si abitua”, mi ha detto una delle poche voci non nettamente schierata contro il progetto in sperimentazione.

2 thoughts on “Piazza Scotti, i 5 stelle bocciano la mozione delle opposizioni e …se stessi

  • 23 Luglio 2020 in 09:54
    Permalink

    Non avendo trovato altro veicolo per comunicare con la redattrice degli articoli faccio un commento, ma in realtà questo che dico vuole essere semplicemente uno spunto alla giornalista per fare delle verifiche (su quanto da me affermato) ed approfondimenti e scrivere un articolo più meditato sull’argomento.
    A qualche giorno dalla messa in esercizio dalla nuova viabilità, mi permetto di segnalarvi che i previsti ingorghi catastrofici ipotizzati dai soliti difensori dello status quo a mio parere non si sono verificati, al contrario la viabilità in piazza Scotti sembra meno caotica e più scorrevole. In risposta ad alcune rimostranze circolate nei vari articoli comparsi non solo su questa tesata, segnalo che:
    – mai i camion del trasporto merci del supermercato di via Cermignano sono passati per quella via, si sono sempre fermati per lo scarico merci in piazza Scotti, certo il muletto che faceva avanti ed indentro sul primo tratto di via di Monte Verde ora deve trovare altri percorsi, ma forse convincerà la ditta ad utilizzare per lo smistamento in città mezzi piccoli e non TIR ;
    – i veicoli dei pompieri e della CRI nelle vie coinvolte nella nuova viabilità hanno sempre avuto grossa difficoltà di transito e ne avranno anche in futuro a causa delle auto parcheggiate irregolarmente su entrambi i lati che i vigili non sanzionano mai;
    – a chi dice “alla riapertura delle scuole succederà il finimondo” chiedo di spiegare perché si dovrebbero creare maggiori problemi solo invertendo un senso di marcia, se “caos” ci sarà è lo stesso di ieri, forse i bambini dovrebbero andare a scuola a piedi;
    Ricordo inoltre che molte critiche che si fanno a questa viabilità sono in contraddizione con le modifiche del progetto originario richieste, solo qualche mese fa, ed accettate dall’amministrazione.
    Rispetto al progetto, che per essere criticato viene attribuito ai 5Stelle, a me risulta fosse stato avviato nel 2008 dal PD con la giunta Bellini, il motivo per cui ora questa forza politica lo disconosce non è nel merito ma solo politica. Analogamente le forze di destra che correttamente voglio portare a livello democratico i malumori di una parte della cittadinanza, non si muovono da forza matura: raccolgo i malumori, vedo cosa succede e solo se sono giuste le rimostranze raccolgo le firme per proporre una alternativa. Si muovo ad impulso immediato solo per cogliere consensi che non poteranno a nulla salvo far credere a chi li ha seguiti che fanno gli interessi della cittadinanza. I veri driver di questa protesta sono i negozianti, notoriamente categoria poco incline al bene comune ma esclusivamente attenta ai propri interessi. In questo caso anche miope nel non capire che una piazza decongestionata e meglio pedonalizzata porterebbe più business. Certo alcune attività della piazza vivono esclusivamente di avventori propensi al parcheggio in doppia file o sui passi carrabili, ma prima o poi bisogna risolvere questo malcostume.

    Risposta
  • 23 Luglio 2020 in 14:32
    Permalink

    L’atto dell’opposizione chiedeva l’istituzione di un tavolo tra i tecnici incaricati da municipio e dipartimento mobilità del comune di Roma, i consiglieri del municipio ed i cittadini del quadrante. Quali? Quelli che hanno 4 automobili ed ai quali non da fastidio la attuale sosta selvaggia nella piazza per prendere un caffè, le sigarette o 5 rosette? O quelli che girano in bicicletta e vorrebbero pedonalizzare la piazza e fare ciclabile su via monte verde? O gli anziani, che vorrebbero più panchine? O le neo mamme ed i neo papà che avrebbero bisogno di un parco giochi? La verità è che (come detto in aula) la sperimentazione farà il suo corso fino ad ottobre e poi I TECNICI, non chi nella vita si occupa giustamente d’altro, faranno le valutazioni del caso e se necessario, alla luce della nuova disposizione della piazza, adotteranno le dovute modifiche, sempre e comunque nel sacrosanto interesse dei cittadini. Bastava assistere alla seduta di consiglio per evitare questo articolo sbagliato. Questo è il livello di informazione di questo sito?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.