“Per il Forlanini vedremo e verificheremo” . Ma di ufficiale c’è solo la nebbia

La notizia è che …non c’è la notizia. Infatti nessuno sa se si è svolto l’incontro sulla destinazione del Forlanini programmato per il 3 novembre e poi rinviato all’11 novembre, incontro concordato il 19 ottobre nel primo faccia-a-faccia tra Regione, Cgil e Coordinamento comitati associazioni e cittadini Forlanini bene comune. Non c’è traccia di riunioni nemmeno virtuali sugli organi di informazione che finora hanno seguito sia pure a singhiozzo l’annosa vicenda,. L’unico indizio è in una notizia pubblicata da https://www.iltempo.it/roma-capitale/https://www.iltempo.it/roma-capitale/2020/11/13/news/ospedale-forlanini-pd-boccia-mozione-riapertura-denuncia-lega-durigon-corrotti-25217706/

Qualcosa di più si intuisce da un articolo datato 12 novembre di Roma Today

https://www.romatoday.it/politica/soldi-recovery-fund-forlanini-regione-lazio.html?fbclid=IwAR1XGb2ZQoIVGaIBRniKEEf9jMtLSEDDCCldsNdldE60w_PzGSMftPXIMRg.

Non di bocciatura si è trattato, ma di una richiesta di accantonare la questione della riapertura del Forlanini a scopi sociosanitari come chiedeva la Corrotti . Daniele Leodori-che del Consiglio regionale è il vicepresidente- ha chiesto il ritiro di questa mozione perché “a seguito di un ordine del giorno del Consiglio regionale con il quale abbiamo candidato Roma ad ospitare l’Agenzia Europea per la Ricerca biomedica abbiamo inserito il recupero del Forlanini nelle proposte da finanziare con risorse del recovery fund”. Poi ha aggiunto: “Per dare forza a questa candidatura per il momento mi fermerei qui. Aggiungere altro in questo momento indebolirebbe le nostre richieste”. Leodori ha spiegato che la discussione sul recovery fund “dovrebbe concretizzarsi entro tre-sei mesi, vedremo se saremo riusciti a centrare i due obiettivi e a quel punto verificheremo altri possibili utilizzi dell’ospedale Forlanini”.

“Dispiace constatare come il PD che governa la Regione da ben due legislature ancora non abbia chiare le idee sul Forlanini e sulla sua destinazione. In risposta all’emergenza Covid si sarebbe potuta utilizzare una struttura pubblica a vocazione socio sanitaria che il territorio chiede da anni”, commenta Govanni Picone, capogruppo della Lega in Municipio.

“Vedremo” e “verificheremo”. Il futuro e le relative incognite regnano sovrane su questa vicenda, ma non sembrano preoccupare il pd municipale. “La candidatura del Forlanini a sede dell’agenzia europea è una grandissima opportunità per il Forlanini”, ribadisce Lorenzo Marinone, consigliere pd a via Fabiola. Che lo sia- una grandissima opportunità- è difficile negarlo. Quello che però si vorrebbe sapere è anche qualcosa sul futuro e sulle varie proposte avanzate: si farà la Rsa pubblica? Si utilizzeranno gli enormi spazi dell’ospedale per ospitare la Asl che ora costa all’erario pubblico il canone di affitto, che fine faranno il parco e il complesso museale? “Vedremo”. E , naturalmente , “verificheremo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.