I Trapezisti cambiano sede ma non vita

Finisce con un lungo applauso e molte lacrime di commozione la catena umana che ha portato dalla vecchia alla nuova sede una parte dei libri de I Trapezisti, la libreria indipendente e caffè letterario che resta a via Mantegazza ma si sposta a circa 150 metri di distanza. Impossibile, per una libreria indipendente che punta su libri di editori indipendenti- l’ultimo libro é stato finalista al premio Strega- sopravvivere all’aumento degli affitti e alla morsa delle grandi catene che per far fronte a Amazon ora si uniscono schiacciando chi ne resta o se ne tiene fuori. Barbara Salsetta e Maurizio Zicoschi ci sono riusciti grazie- come scrivono loro stessi a ” una ventata di positività, abbracci commossi e affetto profondo, (che,ndr) ci ha convinto a non arrenderci. Tutti si sono mobilitati, chi ci ha sostenuto economicamente, chi moralmente, chi semplicemente passando a dirci che non poteva succedere, che dovevamo lottare con le unghie e con i denti e che non saremmo mai rimasti soli a salvare questo SPAZIO LIBERO!!! “

Lei,Barbara ,laureata in lettere e appassionata di filosofia e buddismo, é una libraia con esperienza più che decennale; lui, Maurizio laureato in ingegneria informatica, ha messo in rete e regalato alle librerie indipendenti la piattaforma Satellite, che permette di evitare la grande distribuzione e i relativi costi.

Nella nuova sede le poltrone che hanno ospitato personaggi famosi della narrativa e della saggistica italiana non ci saranno più -hanno esaurito l’energia positiva, dice Barbara neofita buddista- saranno sostituite da altre .E il caffè letterario continuerà ad ospitare scrittori, saggisti e giornalisti anche di richiamo-come ha fatto finora- ma scelti al di fuori delle logiche puramente commerciali. Nella convinzione o speranza (buddista ma non solo) che un gesto bello possa propagarsi come le onde di un sasso gettato in uno stagno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.